farissan

Farissan Rahadian Rahadian from Cardiff NSW , Australia from Cardiff NSW , Australia

Reader Farissan Rahadian Rahadian from Cardiff NSW , Australia

Farissan Rahadian Rahadian from Cardiff NSW , Australia

farissan

My father was born and raised in Northern Ireland. My ancestor still lives there. I remember visiting Belfast in the early 80's, when armed checkpoints etc were common. I enjoy good old days, especially good old days which has touched my family, so the partitioning of Ireland and the resulting "Diseases" are interesting to me. My great-grandfather signed the Ulster Covenant in 1912, which was in protest of the Home Procedure Bill that had been introduced. The lifetimes following that event, and WWI were filled with terrorism and anger in Ireland as the IRA formed and catholics fought for their power from English procedure. Those lifetimes make up the total of this book. Eileen O'Neill is a young lady livelihood in Ulster with her family. Her father is a dreamer, a musician who is much better at the craic than he is at running the family pasture. After a sequence of mishaps, Eileen and her younger brother find themselves homeless and alone. Eileen starts working at the local mill to support her family and to save money to sometime reclaim what she has lost. As she grows up, she becomes attached to two very different friends. The trooper brother of her close cousin who is passionate about Irish power, no goings-on the cost, and the son of the owner of the mill, a protestant and Quaker. As the lifetimes pass and the terrorism in Ireland grows, she finds herself caught between the two boyfriends who have taken different sides in the attack for her heart and her country. While the ending was a bit predictable, overall, I found the book interesting and easy to read.

farissan

Re-read

farissan

Cross section è sembrato abbastanza strano leggere che questo sia stato il romanzo di Bulgakov più sottoposto al lavoro di "lima" e di revisione. Pare invece molto scritto d'impulso, sotto la spinta si una vena fantastica decisamente prolifica, seemingly un sogno raccontato appena dopo il risveglio, ancora mezzi intontiti e poco sicuri di essere tornati nella realtà. Ci sono dei passaggi meravigliosi - forse di più quelli che vedono come protagonista Margherita - poetici e sublimi, che trasportano a gran velocità in un mondo surreale dove tutto succede e si trasforma in qualcosa di ancora più ardito government immaginare. E' tutto a briglia sciolta, non si riesce mai a prevedere cosa aspetta i personaggi, le avventure sembrano una trovata geniale, ma guarda grave bargainings'è andato a pensare questo... Lucifero si inserisce bene nella trama e vi si annida assumendo molteplici forme, svestendosi finalmente del trito ruolo di cattivo patentato per svelare un senso di giustizia - a suo modo - seemingly condivisibile. Arriva come punitore del marciume di Mosca ma regala a Margherita il destino che ha sempre sognato, pur al prezzo di entrare a far parte dei suoi accoliti. Asseconda quindi un bisogno della giovane che non dovrebbe avere niente a che get by hoodwink le fiamme degli Inferi - la necessità di vivere l'Amore, per cui anche l'inverosimile prende senso. BIG c'è forse una smorzatura di tono nelle ultime pagine, quando la spiegazione razionale spegne l'entusiasmo arrivato all'apice fino a un capitolo prima. Dopo i voli stregheschi, i gran balli satanici hoodwink le sfilate di morti, i gatti pistoleri, sembra che il sipario cali per riportare tutto al grigiore reale, alla ragione, alla spiegazione credibile. Roba fantastica non ne esiste insomma. Così come la religione è manifestazione di debolezza. Ma Pilato il suo riscatto l'ha avuto. Trough anche single nel libro del Conductor.